Marilì @ Grottammare – Nuovi ristoranti crescono (bene)

Voto 13

Oggi, se qualche amico dovesse chiedermi “dove posso andare a mangiare se sono sulla riviera delle palme?”, gli direi ad occhi chiusi di riservare un tavolo al Ristorante Vineria Marilì. Non si mangia meglio (per il momento) rispetto ad altri ristoranti di maggiore tradizione e consapevolezze della città. Non è sul lungomare. Non è in centro. Per raggiungerlo dovete conoscerlo, altrimenti non lo notereste mai. Ma, una volta dentro, l’ambiente vi acchiapperà subito. Molto bianco, molto Milano da Bere, ma nella nostre zone non è uno stile inflazionato e genererà piacere.
Vi accoglierà un ragazzo timido, che con garbo e gentilezza vi farà accomodare al vostro tavolo. Le distanze tra i commensali non sono da ristorante tre stelle, ma sicuramente superiori a quelle che si trovano nei postacci della riviera. La privacy sarà assicurata e potrete amoreggiare con la vostra compagnia senza il timore che qualcuno vi ascolti.
Quando riceverete il ricercato e divertente menù avrete il primo sobbalzo. In questo locale la degustazione di 6 piatti viene proposta a 25 euro. A quel punto non saprete se essere euforici per i prezzi contenuti o temere che ci sia qualche inghippo. Nessuna brutta sorpresa, garantito! I ragazzi conoscono bene le disponibilità e le esigenze dei loro coetanei, e se vogliono che il proprio ristorante sia frequentato da persone in grado di apprezzare la loro cucina, devono tenersi bassi, pur avendo come dogma inviolabile la contemporaneità delle tecniche di cucina e la qualità delle materie prime.
 
Tanto per togliervi ogni dubbio, arriverà in tavola un bel cestino del pane con differti tipologie di lieviti che ti serviranno immediatamente per accompagnare l’entratina di cui vi omaggerà la cucina: una caprese destrutturata che già conosciamo da tempo, ma che lascia presagire un bel percorso.

Si inizia con una bresaola faite maison accompagnata da parmigiano reggiano invecchiato 36 mesi e la giardiniera della casa. Un piatto di semplice concezione, in cui la materia prima regala grandi soddisfazioni.
Si prosegue con un prosciutto di tacchino affumicato, in cui l’affumicatura regala sensazioni piacevoli (anche se la presentazione avrebbe dovuto valorizzare maggiormente un piatto eccessivamente spartano).
Conclude gli antipasti un fiore di zucca, ripieno di burrata e salsa di piselli.

Certo, negli antipasti si sarebbe potuto osare con preparazioni leggermente più elaborate (che per la verità in carta sono presenti), ma la linea tenuta dalla cucina è chiara: si basa su un’apparente semplicità che lascia esprimere al meglio materie prime ricercate, che tendono all’eccellenza. Inoltre, dopo soli due mesi d’apertura si è ancora in una fase di studio della propria cucina e delle risposte dei clienti.
Il tagliolini al ragù di agnello sono un piatto tradizionale che lo chef riproduce fedelmente in ma maniera impeccabile. Lo divoriamo, e restiamo leggeri come piume😉

Il piatto della serata è la mazetta prussiana con cicoria e patate. Grande carne (polacca allevata con madalità simili a quelle del mazo Kobe) e bella esecuzione, golosa e precisa.
Buono anche il dessert, una pannacotta alla vaniglia con sorbetto al cioccolato.
Discreta la carta dei vini, anche se sulle etichette locali si potrebbe fare un lavoro più accorto. Noi scegliamo una semplice Lacrima di Morro d’Alba Vicari.
Dopo due piacevolissime ore sorseggiamo un café e con grande piacere regoliamo il conto, che non supera quello di qualsiasi sciatta pizzeria del centro.
Sono aperti da due mesi, c’è tempo per spingere sull’acceleratore, ma già ci sono i presupposti per fare bene. Sebbene dopo una sola visita, l’impressione che ne ho ricavato è che la gestione di un ristorante da parte di due venticinquenni (che non significa inesperti vista la lunga gavetta sulle navi da crociera e in svariati hotel) può rivelarsi un esperimento esplosivo perché non devono accontentare una clientela affezionata, possono rischiare, possono educare i propri clienti conducendoli verso una ristorazione moderna, frizzante e, allo stesso tempo, comprensibile e godibile. I presupposti ci sono, ora andranno valutati nel lungo periodo.
Noi sicuramente faremo un’altra visita quando la cucina sarà maggiormente rodata, per il momento questi ragazzi stanno proponendo qualcosa di modratamente diverso, con passione e mestiere, per questo meritano di essere sostenuti. 

Andateli a provare, non ve ne pentirete.

Degustazione euro 25; alla carta euro 35.

Marili Vineria&Ristorante
Via Bologna,18 Grottammare
Tel. 0735588197 – 3421900917 –
APERTO TUTTI I GIORNI PRANZO E CENA
http://ristorantemarili.weebly.com/home.html

3 thoughts on “Marilì @ Grottammare – Nuovi ristoranti crescono (bene)

  1. La prima volta che sono stata in questo ristorante sono uscita con un gran bel sorriso stampato in faccia, ma la seconda volta sono rimasta a dir poco estasiata! Eravamo in sei, abbiamo scelto il menù degustazione Marilì: negli antipasti tartare di manzo con uovo di quaglia, insalata di coniglio cotto a bassa temperatura e per finire un’ottima quaglia (tre antipasti deliziosi!). Per seguire delle buonissime tagliatelle fatte a mano con sugo di papera e un filetto di maiale con lardo di colonnata su un letto di cicoria e patate (anche questo cotto a bassa temperatura: stellare!). E per i commensali che non amavano la cacciagione o la carne cruda lo chef ha proposto delle ottime alternative: bresaola con insalatina e scaglie di parmigiano stagionato 36 mesi e tacchino affumicato. Insomma, un’ottima cena a dei prezzi davvero contenuti. Lodi, lodi, lodi!!!

    • Ops: ho dimenticato di parlare del dolce, anche questo compreso nel menù degustazione: ho gustato una squisita crostatina realizzata dallo chef con crema chantlly, frutta e sorbetto alla mora.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...