Andreina @ Loreto – La cura dei dettagli che emoziona

Voto 16

IMG_20140725_152257348Da Andreina, oggi, si mangia da Dio. Ditelo in giro. Una cucina solida, tecnicamente precisa, mai improvvisata, legata al territorio senza rispondere ad una ortodossia asfissiante, fedele in modo intelligente alla propria storia. Errico Recanati ha un tocco personale, riconoscibile tra mille altri. La sua specialità sono le carni: dalla cacciagione agli animali da cortile, proposti con pari abilità sia nella tradizionale cottura allo spiedo, sia in altre preparazioni.

Continua a leggere

Povero Diavolo @ Torriana (RN) Le carezze travolgenti di Pier Giorgio Parini

Voto 17,5
IMG_0067[1]
Un paio di anni fa, i piatti di Pier Giorgio Parini mi sarebbero apparsi un pò frigidi. Oggi, la sola idea di andare a mangiare al Povero diavolo innesca in me degli entusiasmi  incontrollabili. In ogni caso, il mio approccio alla cucina, molto viscerale e istintivo, quindi radicale, non è propriamente indicato per una esperienza a Torriana, che richiede calma e pazienza dovute allo sforzo di sintonizzarsi sulla  lunghezza d’onda dello chef e della sua cucina, rinviando il processo di comprensione oltre il lasso di una cena, in favore di una vera e propria ruminazione intellettuale. Continua a leggere

Ristorante Marconi @ Sasso Marconi – La grande cucina italiana

Voto 15,5
IMG_4501
Siamo in viaggio verso Milano e un leggero languore ci prende lo stomaco in prossimità di Rimini. La guida è lì, a disposizione sul telefono e sembra quasi un affronto non consultarla per vedere quali ristoranti offra l’Emilia Romagna.
Senza troppe difficoltà la scelta cade sul Ristorante Marconi di Sasso Marconi. Abbiamo letto molto bene di questo storico ristorante bolognese ed è perfettamente in strada. Usciamo con agilità dall’A14 e in pochi minuti siamo nel parcheggio del locale.  Continua a leggere

Pascucci al Porticciolo – Tutto il mare di Fiumicino

Voto 15,5

IMG_2963
Piove, la strada ha un’aspetto poco rassicurante, il massiccio del Gran Sasso è avvolto in una foschia spettrale. Ci sono tutte le condizioni per pentirsi del weekend scelto per la fuga romana. D’ un tratto l’illuminazione. “Potremmo trovare ristoro da Pascucci al porticciolo!” che, rivolgendomi alla mia signora gentile, descrivo come un ristorante tutto pesce di cui ho sentito parlare bene. “Forse una stella michelin” controlla sulla guida. Lei riserva un tavolo per due. Dopo le insidie del GRA e della pontina arriviamo a destinazione. Fiumicino la ricordi solamente per i parcheggiatori che durante il periodo di ferragosto rivendono a qualche turista straniero il tuo posteggio lunga sosta riservato da mesi, costringendoti a una rischiosa e noiosissima girandola. Per il resto la cittadina sembra avere particolare fascino.
Entrando da Pascucci le cose cambiano. Continua a leggere

Emilio @ Casabianca di Fermo – Una stella da lucidare

Voto 13,5

Nella neonata provincia di Fermo il ristorante con maggiore blasone è indubbiamente Emilio di Casabianca. La guida Michelin da diversi anni conferma una stella, indice di un “ristorante molto buono nella sua categoria”. Il locale ha un aspetto gradevole: l’ambiente è elegante, il servizio è competente, la mise en place è essenziale, ma di buon gusto. I tavoli sono ben distanziati e tutto questo concorre in maniera decisiva ad una buona impressione complessiva. Il menù è articolato, ci sono tre degustazioni, ma la vocazione e la cultura locale sembrano suggerire di scegliere alla carta. Un ristorante tutto pesce, in cui la materia prima appare molto variegata anche se sempre – e correttamente – legata alla disponibilità dell’adriatico.
Questi, come scrivono blogger più scafati, sono i pre-requisiti per un ristorante di qualità. Dunque nessuna sorpresa. Continua a leggere